Gemma Gemmiti FONDATRICE

Gemma Gemmiti è la fondatrice  della casa editrice Gemma Edizioni e vanta un’esperienza decennale in contabilità ed amministrazione di azienda. Per 4 anni è stata la Presidente di un’associazione culturale “Gli amici di Tam Tam” che si occupava di bambini e ragazzi, organizzando  doposcuola, corsi di musica, lingue, teatro, fumetto. Ha ideato e portato in scena

Gemma Gemmiti è la fondatrice  della casa editrice Gemma Edizioni e vanta un’esperienza decennale in contabilità ed amministrazione di azienda.

Per 4 anni è stata la Presidente di un’associazione culturale “Gli amici di Tam Tam” che si occupava di bambini e ragazzi, organizzando  doposcuola, corsi di musica, lingue, teatro, fumetto. Ha ideato e portato in scena un musical “Questo piccolo, grande bambino”  nel 2013 e con i proventi costruito un asilo a Kiziguro in Rwanda.

In un anno, il 2015, ha curato la pubblicazione di 6 volumi di due raccolte di racconti: “Donne d’Inchiostro” e “Uomini su carta”, raccogliendo consensi in tutta la penisola e sperimentando direttamente sul campo il lavoro che c’è dietro la pubblicazione di un libro.

Convinta dell’importanza di divulgare l’amore per la lettura, per 5 anni tutti i sabato, ha letto libri gratuitamente ai bambini in una libreria della sua città, poi ha sognato di arrivare oltre ed è così che è nata l’idea di questa Casa Editrice innovativa che unisce davvero lettore e scrittore, che diventano uno parte integrante dell’altro. Prendono vita così i Progetti con le scuole e quelli attraverso i quali scovare piccole gemme destinate a diventare diamanti.

A dicembre 2015 costituisce insieme a Filippo Giovannone Megamiti S.r.l.s. dove si occupa dell’intera organizzazione sia della Casa editrice Gemma Edizioni, che della parte artigianale ObjLaser.

Più di quaranta sono i volumi già pubblicati in due anni dalla fondazione della casa editrice.

Alcuni dei quali scritti in Alternanza Scuola Lavoro. La Casa Editrice ha infatti accolto 3.200 studenti provenienti dalle scuole di tutta Italia nell’anno scolastico 20116/2017 e si appresta ad accoglierne nell’anno scolastico in corso, un numero pari a 5.000.

L’entusiasmo che la contraddistingue è contagioso. Idee brillanti unite ad un lavoro di squadra di cui è promotrice, sono gli ingredienti del successo della Casa editrice che porta il suo nome.

Non perdere la capacità di meravigliarsi, anche delle piccole cose credo sia davvero importante. Il sogno sta superando le mie più rosee aspettative: stiamo riuscendo a contagiare davvero il mondo che ci circonda, di Bellezza“.
Investire in cultura è la risposta giusta per essere, e fare, la differenza.

“Un bambino che legge sarà un adulto che pensa,

un bambino che scrive sarà un adulto che farà la storia”.